Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Pino Tovaglia - Marchi

 
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
Pino Tovaglia
video realizzato da DesignAR

Pino Tovaglia - Biografia

Pino Tovaglia nacque a Milano nel 1923. Inizia a lavorare come designer di tessuti; nel 1944 frequenta la Scuola Superiore d’Arte del Castello Sforzesco di Milano dove ha come maestri Usellini e Carrà. Dopo il diploma collabora come pubblicitario con la Pagot Film, sviluppando cortometraggi sperimentali. Nel 1947 lavora presso lo studio Ciuti fino al 1950; successivamente Tovaglia intraprende la carriera di libero professionista e, tra il 1945 e il 1956, lavora per Finmeccanica occupandosi di una campagna di annunci che gli varrà la segnalazione su Graphis. Nel 1957 con Giulio Confalonieri, Ilio Negri e Michele Provinciali fonda lo “studio CNTP”, un grande esperimento che però avrà vita breve. Poi entra a far parte del gruppo di ricerca “Exibition Design” con Coppola, Confalonieri, Grignani e Munari. La sua attività spazia anche nell’allestimento come testimoniato dall’esperienza di Italia ’61, presso il Palazzo del Lavoro di Torino dove l’elemento simbolico viene applicato alla realizzazione grafica. Dal 1967 al 1970 è art director della Pirelli, dove collabora con Mulas e Ballo. Tovaglia ha poi una lunga collaborazione con la fonderia Nebiolo in veste di coordinatore di un gruppo di ricerca. Si occupa inoltre, dell’immagine di aziende e gruppi editoriali quali Ottagono, Alfa Romeo, Regione Lombardia (con Munari, Noorda e Sambonet), Fai, Fini, Touring Club, e delle campagne pubblicitarie per varie aziende: Splugen, Alitalia, Lanerossi, FlexForm, Bassetti, Flos, Acna, Nava, Alessi, Valenti, Artflex, Montesud, Videograf, MonteShell, Montecatini, Mathers International e per riviste come Ufficio Moderno e Stile Industria. Lavora anche nel campo dell’animazione per la RAI con Bruno Bozzetto e per RadioTelefortuna 67. Muore all’età di 53 anni lasciando l’enorme contributo della sua rigorosa ricerca visuale. Da segnalare anche la sua attività didattica, svolta fin dal ’54: ha insegnato “Progettazione Grafica e Visualizzazione” presso la Scuola Superiore d’Arte del Castello Sforzesco di Milano, ai corsi tecnico artistici dell’Umanitaria, “Immagine Coordinata” alla scuola Politecnico di Design e “Progettazione Grafica” all’Isia di Urbino.