Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Max Huber - Marchi

 
Max Huber
Max Huber Sacill
Max Huber Autovox
Max Huber Interpol
Max Huber Scei
Max Huber La Rinascente
Max Huber Coin
Max Huber Supermercati Esselunga
Max Huber Furniply
Max Huber Caprotti Manifattura
Max Huber Albitex
Max Huber Marchio di Qualità Regione Siciliana
Max Huber Omniafili
Max Huber Palazzi Editore
Max Huber Besana Gelati
Max Huber Nava Officine Grafiche
Max Huber Habitat
Max Huber ASM
Max Huber Ticino Vito
Max Huber Triennale di Milano
Max Huber Seterie Argenti
Max Huber Tipo Print

Max Huber - Biografia

Grafico e designer svizzero anche se ha svolto la sua professione prevalentemente in Italia. Si forma alla Kunstgewebeschule di Zurigo e comincia il suo apprendistato presso un’agenzia pubblicitaria. Nel 1940 si stabilisce a Milanodove viene assunto dallo studio Boggeri, presso il quale lavorano anche Luigi Veronesi, Bruno Munari e Albe Steiner; nel frattempo studia all'Accademia di Brera. Nel 1945 inizia la collaborazione con la casa editrice Einaudi da cui riceve l’incarico di curare tutta la grafica. Diventa, poi, insegnante di lettering e grafica alla scuola “La Rinascita”, esperienza didattica che si ripeterà negli anni successiva in altre scuole milanesi (all’Umanitaria e alla Scuola Politecnica di Design). Nel 1948 studia la grafica della nuova testata economico-finanziaria 24 Ore. Con Achille Castiglioni e Erberto Carboni progetta importanti allestimenti (Rai, Eni, Montecatini) e varie mostre della radio. La sua attività lo porta a distinguersi anche nel campo editoriale collaborando con importanti aziende quali Olivetti, Esselunga, Feltrinelli, Istituto Geografico De Agostini.Disegna il marchio per Nava, Murano, Esselunga, Coin e “La Rinascente”; per quest’ultima, assieme a Sambonet e Munari, cura la sua comunicazione.È stato socio dell'AGI, Alliance Graphique Internationale.Nel 2005 viene inaugurato a Chiasso il “Max” (Museo Max Huber) che raccoglie l'eredità del professionista ed è diretto dalla vedova, la giapponese Aoi Kono.