Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Armando Testa - Marchi

 
Armando Testa
Armando Testa Facis
Armando Testa Pirelli
agenzia Armando Testa
Armando Testa Borsalino
Armando Testa Olimpiadi di Roma
Armando Testa Olimpiadi di Roma
Armando Testa Punt e Mes
Armando Testa Digestivo Antonetto
Armando Testa Paulista
Armando Testa Ippopotamo Pippo
Armando Testa Papalla Philco
Armando Testa Lavazza
Armando Testa Banca Nazionale del Lavoro
Armando Testa Castello di Rivoli
Armando Testa Salone del libro di Torino
Armando Testa Sedia

Armando Testa - Biografia

Nato a Torino nel 1917, frequenta la scuola tipografica Vigliardi Paravia dove Ezio D’Errico, pittore astratto, gli fa conoscere l’arte contemporanea, a cui guarderà sempre con grande interesse. Nel 1937, a vent’anni, vince il suo primo concorso per la realizzazione di un manifesto, un disegno geometrico ideato per la casa di colori tipografici ICI. Dopo la guerra lavora per importanti case come Martini & Rossi, Carpano, Borsalino e Pirelli. Lavora anche come illustratore per l’editoria e crea un piccolo studio di grafica; nel 1956 nasce l’agenzia Testa dedicata alla pubblicità non solo grafica ma anche televisiva. Alcune delle aziende che si servono dell’agenzia Testa diventano ben presto leader di settore: Lavazza, Sasso, Carpano, Simmenthal, Lines. Vince nel 1958 il concorso nazionale per il manifesto ufficiale delle Olimpiadi di Roma del 1960. Nascono poi, fra gli anni Cinquanta e i Settanta, immagini e animazioni filmate per la televisione che sono rimaste nella storia della pubblicità, legati a slogan entrati nel linguaggio comune: il gioco grafico fra bianco/nero e positivo/negativo per il digestivo Antonetto (1960); le perfette geometrie della sfera sospesa sulla mezza sfera per l’aperitivo Punt e Mes, che in dialetto piemontese significa appunto “un punto e mezzo” (1960); i pupazzi conici di Caballero e Carmencita per il caffè Paulista di Lavazza (1960); Pippo l’ippopotamo azzurro per i pannolini Lines (1964); gli sferici abitanti del pianeta Papalla per Philco (1969). Come primo riconoscimento istituzionale del suo lavoro, è invitato a tenere la cattedra di Disegno e Composizione della Stampa presso il Politecnico di Torino dal 1965 al 1971. Nel 1968 riceve la Medaglia d’oro del Ministero della Pubblica Istruzione per il suo contributo all’Arte Visiva mentre nel 1975 la Federazione Italiana Pubblicità gli tributa la Medaglia d’oro come riconoscimento per i successi conseguiti all’estero. Dalla metà degli anni Ottanta Armando Testa, oltre che nella pubblicità vera e propria, si impegna nell’ideazione di manifesti per eventi e istituzioni culturali e di impegno sociale, da Amnesty International alla Croce Rossa, dal Festival dei Due Mondi di Spoleto al Teatro Regio di Torino. Realizza anche i marchi che contrassegnano enti culturali come il Salone del Libro e il Festival Cinema Giovani di Torino, e il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. La sua agenzia diventa la più grande fra quelle operanti in Italia in quel settore, con sedi nelle più importanti nazioni europee. Armando Testa muore a Torino nel 1992.