Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Il marchio Unieuro

 
Unieuro Paolo e Oscar Farinetti
Marchio Unieuro
Unieuro Insegna
Marchio Unieuro
Unieuro Insegna
Unieuro Modulistica istituzionale
Unieuro Divisa venditori
Marchio Unieuro
Unieuro Insegna
Volantino Unieuro
Marchio Unieuro
Unieuro Merchandising
Unieuro Sponsorizzazione ciclismo
Volantino Unieuro

La storia del marchio Unieuro

Nel 1967 Paolo Farinetti fondò ad Alba (Cuneo) il supermercato UniEuro, cioè un magazzino nel quale si vendevano capi d’abbigliamento e biancheria; era così chiamato in onore dell’europeista Altiero Spinelli, auspicando l’unione degli stati europei e la conseguente costituzione di un unico grande mercato. Nei primi anni Settanta l’introduzione degli elettrodomestici avvenne tramite catalogo; a partire dal 1978 il fondatore lascia sempre più spazio a suo figlio Oscar che diventerà presidente. I primi magazzini dedicati esclusivamente a casalinghi ed elettrodomestici risalgono al 1986 e recano il logotìpo composto con il carattere Futura oblique, bianco su fondo blu, e con il punto rosso della lettera “i”. Nel 1995 viene acquisito il marchio Trony e l’espansione si consolida anche tramite il franchising tanto da diventare una catena di grande distribuzione, specializzata in elettronica, di rilevanza nazionale; a partire dal 2001, gli spot televisivi propongono il poeta Tonino Guerra che recita lo slogan “l’ottimismo è il profumo della vita”. Nel 2003 Oscar Farinetti decide di vendere UniEuro agli inglesi della Dixons Retail e, con il ricavato, fonderà nel 2004 una nuova catena di distribuzione alimentare di eccellenza: Eataly. Nel 2009 il nuovo management voleva dare un segnale forte per rendere più contemporanea e specializzata l’insegna; si avvertiva un superato legame all’elettrodomestico e bisognava puntare di più sulla tecnologia. Pertanto, il restyling del marchio viene affidato all’agenzia Nascent Design che progetta nel 2010 il logotìpo, tutto minuscolo, con un font appositamente concepito nonché la coerente scritta “technology superstore”, che sarà eliminata nel 2012; ancora una volta il puntino rosso della “i” rappresenta l’elemento di dinamismo perchè inclinato. Nel 2013 tra il gruppo Dixon e SGM Distribuzione, quest’ultimo operante con l’insegna Marcopolo Expert, viene siglato un accordo per la cessione e la conseguente fusione di UniEuro; si costituisce così il secondo gruppo italiano nel settore dell’elettronica di consumo. Nel 2014 nacque l’esigenza di operare un restyling di identità che fu affidato a Future Brand Italia; il primo passo dell’intera strategia di comunicazione è stato il progetto del nuovo marchio che doveva esprimere i valori positivi del posizionamento di marca e, da qui, un percorso di rinnovamento di tutti i punti vendita. In particolare il marchio mostra la lettera “u” simile ad un cuore perché rappresentativo della passione e dell’unione di due realtà; la nuova identità visiva eredita i colori sociali delle due anime (l’arancione di Marcopolo e il blu di Unieuro). Tutta l’operazione è stata accompagnata da una campagna di comunicazione ad hoc con il payoff: “Unieuro - Batte. Forte. Sempre”. Questo incontro ha dato vita ad una delle più grandi catene dell’elettronica di consumo in Italia per numero di punti vendita.