Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Il marchio Gucci

 
Guccio Gucci
Gucci - Pagina pubblicitaria
marchio Gucci
Gucci - t-shirt
marchio Gucci
Gucci - Etichetta
marchio Gucci
Gucci - Sede Firenze
marchio Gucci
marchio Gucci
Gucci - Negozio
Aldo Gucci
Gucci - Pagina pubblicitaria
Gucci - Pagina pubblicitaria
Gucci - Cintura
Gucci - Pagina pubblicitaria
Gucci - Pagina pubblicitaria
Gucci - Texture
marchio Gucci
Gucci - Pagina pubblicitaria
Gucci - Pagina pubblicitaria
marchio Gucci
Gucci - Pagina pubblicitaria
marchio Gucci
Gucci - Pagina pubblicitaria

La storia del marchio Gucci

Nel 1921 Guccio Gucci fondò a Firenze l’azienda omonima per la produzione di articoli di pelletteria, guanti e valigeria. Nel 1923 il primo marchio della casa di moda riportava solamente il nome del fondatore nel carattere calligrafico, probabilmente derivato dalla sua firma. Dopo aver lavorato da giovanissimo al Savoy Hotel di Londra come lift e aver conosciuto lo stile inglese, i cavalli e l’equitazione (cioè staffe, morsetti, selle, briglie e finimenti) sono stati parte integrante dell’heritage di Gucci. Nel 1929 il logotìpo riportò anche l’iniziale puntata del nome del fondatore. Dall’esperienza lavorativa all’estero nel 1934 fu introdotto il marchio del fattorino con una valigia e una borsa da viaggio; negli anni Trenta molti dei clienti italiani sono aristocratici con l’hobby dell’ippica e le loro richieste di abbigliamento da equitazione spingono Gucci a sviluppare le sue esclusive icone: la miniatura del morso da cavallo, costituita da un doppio anello congiunto da una barretta, e il nastro a trama verde-rosso-verde che riprende il tradizionale sottopancia delle selle. Nel 1955 al marchio preesistente si sostituisce un cavaliere in armatura, sempre con una valigia e una borsa da viaggio, integrato nello stemma araldico in un gioco di rivisitazioni nel quale il medioevo fiorentino, citazione della presunta discendenza di sellai della nobiltà rinascimentale, si salda con la contemporaneità mondana; nello scudo, al di sopra del cavaliere, sono raffigurati una rosa e un timone a simboleggiare rispettivamente la raffinatezza e l’imprenditorialità della famiglia. In questo periodo c’è l’apertura del primo negozio Gucci negli Stati Uniti, sulla 58° strada a New York e da quel momento c’è l’inizio dell’espansione americana che ne sancisce il successo internazionale; i prodotti Gucci si affermano rapidamente per il design esclusivo e conquistano il cuore delle star del cinema, note per la loro eleganza nel mondo del jet set. Nel 1958 accanto al simbolo dell’armigero si affianca il logotìpo in carattere bastone; la grande spaziatura tra i caratteri è un tratto distintivo della composizione. Nel 1960 Aldo Gucci, uno dei tre figli di Guccio, disegna il simbolo con le due “G” incrociate, chiaro riferimento alle iniziali del fondatore; tale segno grafico, non ancora diventato il marchio dell’azienda, viene riproposto in diverse fogge: fuse in un cerchio, contrapposte, invertite e in forma astratta. Nel 1971 il logotìpo sarà composto con un carattere graziato mentre solo nel 1992,con la direzione artistica di Alessandro Michele, comparirà ufficialmente nel marchio aziendale il simbolo della doppia “G”, fino ad allora utilizzato solo come griffe sulle borse, calzature e cinture. A partire dal 1998 la comunicazione ufficiale sarà affidata al solo logotìpo composto con carattere graziato lapidario, molto spaziato; è con questo marchio che l’azienda si presenta nel mondo come espressione distintiva del “made in Italy”.