Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Il marchio Finmeccanica

 
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica
Marchio Finmeccanica

La storia del marchio Finmeccanica

Nasce nel 1948 come “Società Finanziaria Meccanica”, costituita dall’IRI (Istituto per la Ricostruzione Industriale) e sotto il controllo dello Stato italiano, per riorganizzare il settore industriale, in crisi dopo i danni subiti nel periodo bellico. All’inizio il marchio si identificava semplicemente con il nome dell’azienda, composto con il carattere Clarendon dalle grazie pesanti, e rappresentava la grande industria italiana delle “macchine”; una mission che è stata evocata anche attraverso la rivista aziendale “Civiltà delle Macchine”. Nel 1964, per la prima volta, al nome Finmeccanica è associato un simbolo: una ruota dentata per comunicare, con maggior incisività, la vocazione industriale dell’istituzione. Nel 1978, dopo l’uscita dal gruppo della cantieristica navale, il consolidamento degli asset nella termo-elettro-meccanica e il costante sviluppo produttivo verso i settori tecnologicamente più avanzati dell’aerospazio e dell’elettronica, nasce il marchio della holding: uno snodo di cubi per esprimere l’interdipendenza del comparto industriale italiano. Nel 1987 Finmeccanica diventa una società per azioni; una holding concentrata sul consolidamento del business nei settori a forte connotazione tecnologica, sull’internazionalizzazione per affrontare un mercato più globale e competitivo, sull’eccellenza tecnologica per mantenere il primato nei settori strategici del gruppo. Pertanto il marchio viene rivisitato e torna ad identificarsi con il solo logotìpo; fu progettato da Edindustria (società del gruppo Iri) mentre il sistema di identità visiva fu messo a punto dall’agenzia Inarea. La scelta del lettering rosso, composto con il carattere Bodoni leggermente ritoccato, vuole simboleggiare la tradizione e lo stile italiano, valorizzando la leadership che il gruppo sta costruendo anche a livello internazionale. All’inizio del Duemila il gruppo Finmeccanica è concretamente avviato verso una proiezione globale nei settori dell’aerospazio, difesa e sicurezza; l’identità visiva del gruppo è ancora molto variegata e la proiezione internazionale del gruppo rende sempre più evidente l’esigenza di diffondere la conoscenza del marchio anche al di fuori dei confini italiani. Nel 2006 Finmeccanica adotta un nuovo marchio e una brand identity di gruppo, progettati da Carrè Noir, con il compito di rendere la comunicazione di tutte le aziende coerente, omogenea e riconoscibile. Il simbolo è una sfera composta da sette “petali“ che rappresentano i relativi settori di business del gruppo; una sfera che rappresenta anche il mondo esterno, quello del mercato globale verso il quale Finmeccanica tende. I colori distintivi sono il rosso e il grigio; i petali rossi della sfera compongono la lettera “F” di Finmeccanica. Il logotipo associato è realizzato con carattere maiuscolo e lineare; tutte le aziende di Finmeccanica, per affermare lo spirito di squadra, affiancano al proprio nome lo stesso simbolo. L’evoluzione prosegue nel 2012 con una maggiore caratterizzazione: il marchio è tutto rosso e c’è una riduzione del peso del simbolo rispetto al logotìpo. Il 2016 segna un nuovo capitolo nella storia di Finmeccanica: da holding di gestione di un gruppo di aziende con una propria autonomia, si trasforma in “One Company”, realtà industriale integrata e organizzata in divisioni nelle quali confluiscono le attività svolte dalle aziende. Il nome che, per più di 60 anni, ha identificato il gruppo non è più adeguato a rappresentare la nuova immagine; Finmeccanica non è più una finanziaria (Fin) ma un’azienda operativa focalizzata su prodotti e servizi ad alta tecnologia che non rispecchiano più l’originaria missione (Meccanica). Ciò determina il nuovo nome, Leonardo, che si ispira al genio italiano ma è anche simbolo universale di innovazione, ricerca e creatività applicate ad ogni campo di indagine. Nel nuovo marchio il segno grafico mantiene il legame con il passato, con l’immagine dei raggi convergenti a formare un globo in movimento, introducendo però due elementi di novità a marcare la nuova identità dell’azienda: il pittogramma ha cambiato verso, dando la sensazione, anche visiva, di un cambio di passo nell’inizio di un nuovo percorso ed i raggi sono diventati otto, come eliche in un movimento costante.