Museo del Marchio Italiano Logo
 
 
 

Il marchio FIGC

 
Marchio FIGC
FIGC - Nazionale
FIGC - Divisa Azzurra
FIGC - Prima Maglia Azzurra Nazionale
Marchio FIGC
FIGC - Giuseppe Meazza
FIGC - Maglia Azzurra Nazionale
FIGC - Maglia Nazionale
FIGC - Figurine
Marchio FIGC
FIGC - Maglia Nazionale
Marchio FIGC
FIGC - Giacinto Facchetti
Marchio FIGC
Marchio FIGC
FIGC - Poster Nazionale Italiana
FIGC - Targa identificativa
Marchio FIGC
FIGC - Maglia Nazionale
Marchio FIGC
FIGC - Maglia Nazionale
FIGC - Editoria istituzionale
Marchio FIGC
FIGC - Progetto marchio
FIGC - Maglia Nazionale
Marchio FIGC
FIGC - Maglia Nazionale
Marchio FIGC
FIGC - Maglia Nazionale
Marchio FIGC
FIGC - Maglia Nazionale
FIGC - Stemma
marchio FIGC
FIGC - Marchio
FIGC - Presentazione nuovo marchio
FIGC - La maglia della Nazionale

La storia del marchio FIGC

La "Federazione Italiana Giuoco Calcio" fu costituita a Torino nel 1898; ha contribuito a far diventare il calcio il più importante fenomeno sportivo nazionale. L'esordio nella Nazionale avvenne nel 1910 all'Arena di Milano in maglia bianca (Italia-Francia 6-2); non si sa bene se la scelta del bianco fu per motivi di convenienza economica o se per omaggio alla squadra più forte dell’epoca, ossia la Pro Vercelli. L'anno successivo, contro l'Ungheria, fece la sua prima apparizione la maglia azzurra in onore del colore dello stendardo della famiglia Reale dei Savoia, il cui stemma rosso con croce bianca campeggiava sul colore azzurro, per l'appunto. Durante il ventennio fascista, allo stemma sabaudo vennero aggiunti corona e fascio littorio. Con queste maglie gli azzurri conquistarono due titoli mondiali (1934 e 1938) e un oro olimpico (1936) sotto la guida di Vittorio Pozzo. Nel dopoguerra il calcio è tra i fattori che aiutarono l'Italia ad uscire dalle macerie della guerra; il tricolore rimpiazzò lo stemma sabaudo sul petto delle maglie azzurre. Nel 1952 ci sarà un nuovo cambiamento nel tricolore: viene aggiunto nella parte superiore un riquadro con la scritta "Italia" in oro. Dopo anni di delusioni arrivano due belle pagine della storia azzurra: il titolo europeo conquistato in casa (1968) e il secondo posto nel Mondiale in Messico (1970), impreziosito dall’epica semifinale Italia-Germania 4-3; i giocatori vestivano una maglia minimalista che, forse assieme a quella del 1982, è la più stampata nell’immaginario collettivo come la "maglia" della Nazionale. Nel 1974 un altro restyling: un rombo con all'interno il tricolore, un pallone giallo e la denominazione disposta a cerchio; in alcuni casi il rombo viveva all'interno di un quadrato nei cui angoli c'erano le lettere dell'acronimo. Nel 1982 per i Mondiali di Spagna ci fu una leggera modifica allo scudetto: l’aggiunta dell'acronimo, scritto in verticale, nel bianco del tricolore. Nel 1984 un nuovo marchio rotondo sostituisce il tradizionale scudetto; all’interno trovano spazio le tre stelle dorate su campo azzurro, le scritte "Italia" e "FIGC" assieme al tricolore in posizione diagonale. Le maglie cambiano nel materiale, dalla lanetta degli anni precedenti si passa a un tessuto acetato e lucido. Nel 1992 la Federazione indisse un concorso per un nuovo marchio: vinse la proposta di Patrizia Pattacini con una sorta di lettera "i" stilizzata con il puntino azzurro in alto a sinistra; nella parte alta trovavano posto le tre stelle su campo azzurro, al centro su campo bianco la denominazione completa della federazione e in basso il tricolore, ridotto ai minimi termini dai tempi dell’abbandono dello scudo sabaudo. Nel 2000 torna sul petto lo scudetto tricolore, introdotto negli anni Cinquanta, a cui vengono aggiunte per la prima volta le tre stelle dei mondiali vinti nella parte alta, dove solitamente trovava posto la scritta "Italia" e senza l'acronimo. Le stelle compaiono su autorizzazione della FIFA che, dalla metà degli anni Novanta, permise alle federazioni di portare sulla maglia tante stelle quanti i campionati vinti. Nel 2006 cambia nuovamente il marchio a ricordare lo scudetto originario seppur rivisto alla luce dell'evoluzione del design: una forma più squadrata con il tricolore su fondo azzurro, un segno circolare della FIGC posizionato sul bianco e le tre stelle. Nel 2007, dopo la conquista del quarto titolo mondiale in Germania, il marchio subisce un necessario restyling: l’aggiunta della quarta stella e il segno circolare della scritta FIGC con dimensioni maggiori tanto da primeggiare al centro del tricolore. Nel 2017 la Federcalcio, allo scopo di coniugare tradizione e modernità, si fregia di un nuovo marchio a forma di scudo al di sopra del quale sono più visibili le quattro stelle dei trionfi mondiali, orgoglio di tutto il Paese. La scritta "Italia" campeggia sul tricolore al di sopra di un orizzonte curvoso.